La rubrica sull’autostima – Chiara Chiarina Batistini – Il giudica interiore

Chiara Batistini – Silenziare il giudice interiore: un viaggio verso una sana autostima

Oggi ho avuto il piacere di intervistare Chiara, una psicoterapeuta fiorentina con cui ho instaurato un legame profondo e proficuo solo dopo aver partecipato a un meeting sull’ipnosi assieme. Chiara, secondo me, è una persona che merita di essere ascoltata non solo per il suo ruolo istituzionale, ma anche per la sua autenticità e profondità umana.

 

Abbiamo discusso dell’importanza dell’autostima, definita da Chiara come “la considerazione che abbiamo di noi stessi” e ha condiviso il pensiero di Nathaniel Branden, il quale collega l‘autostima alla capacità di sentirsi adeguati nella vita e affrontare le sfide che ci si presentano.

 

Quando le ho chiesto quale consiglio darebbe a chi ha problemi con l’autostima, Chiara ha parlato di “calare il volume al proprio giudice interiore“. Questo concetto mi ha riportato alla mente l’esperienza personale di silenziare la voce interiore, un’esperienza che ho vissuto durante un viaggio sciamanico in Messico alla ricerca del peyote. È importante sottolineare che non intendo promuovere questa pratica come un requisito per raggiungere una sana autostima, ma l’ho vissuta come un’opportunità per vedere la realtà senza i filtri personali che spesso influenzano il nostro modo di percepire il mondo.

 

Il viaggio sciamanico mi ha permesso di sperimentare una sorta di silenzio interiore, un momento in cui mi sono sentito libero dai giudizi e dalle aspettative, permettendomi di vedere le cose per come sono veramente. Questa esperienza ha avuto un impatto significativo sul mio rapporto con me stesso e con il mondo che mi circonda.

 

Silenziare il giudice interiore è una sfida per molti di noi, ma è un passo fondamentale verso la costruzione di un’autostima sana e duratura. Troppo spesso siamo prigionieri delle nostre critiche interiori, che ci impediscono di apprezzare veramente chi siamo e cosa possiamo offrire al mondo.

 

Chiara ha sottolineato l’importanza di questo processo di autoaccettazione e di compassione verso noi stessi. Solo quando riusciamo a ridurre l’incidenza delle nostre voci critiche possiamo iniziare a costruire un’autostima basata sull’amore e sulla fiducia in noi stessi.

 

Concludendo, credo, assieme a Chiara, che uno dei nodi centrali per costruire un’autostima sana sia proprio quello di imparare ad amarsi. Sono completamente d’accordo con lei su questo punto. Infatti, l’amore per se stessi è fondamentale per poter affrontare le sfide della vita, superare i momenti difficili e apprezzare appieno le proprie qualità e capacità.

 

Quando impariamo ad amarci, diventiamo più indulgenti con noi stessi, imparando a perdonare i nostri errori e ad accettare le nostre imperfezioni. Questo amore verso noi stessi ci permette di sviluppare una maggiore fiducia nelle nostre capacità e di intraprendere percorsi di crescita personale con maggiore determinazione.

 

L’autostima non è solo una questione di percezione personale, ma influenza profondamente la nostra vita quotidiana, le nostre relazioni e le nostre aspirazioni. Costruire un sano rapporto con noi stessi è il fondamento su cui possiamo costruire una vita appagante e significativa.

 

I punti evidenziati rappresentano solo alcuni spunti dell’intervista completa, la quale è disponibile su YouTube e sul mio sito. Ti invito a guardare l’intera intervista e a condividere i tuoi commenti e feedback. Sono molto interessato a conoscere le tue opinioni e a continuare questa conversazione sull’importanza dell’autostima nella nostra vita.

 

Grazie per aver letto questo post e per il tuo interesse sull’argomento. Continua a seguire il mio sito per ulteriori contenuti e approfondimenti su temi legati al benessere e allo sviluppo personale

Ascolta l'intervista con Chiara

di Luca & Chiara | Cos'è l'autostima per te

Guarda l’intero contenuto!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *