Cookie Policy Una vera relazione d'amore oppure una normale connessione? • Luca Stel

Una vera relazione d’amore oppure una normale connessione?

La ricerca di una vera relazione d’amore, non di una semplice e scontata connessione. Questo è il mio obiettivo, il mio anelito oppure non è così?

Il desiderio di una VERA relazione

Da quando mi sono lasciato, l’incidente ha anche avuto la forza di interrompere una storia che andava avanti da 7 anni, vivo alla ricerca di una vera relazione; non so però se recriminare troppo sul passato, forse è andata meglio così; non nutro alcun rancore verso S. Probabilmente, nei suoi panni anche io avrei fatto la sua stessa scelta. Da quando praticamente mi sono svegliato dicevo, vivo in uno stato di ricerca continua di una relazione che sia d’amore, che possa sostituire quella che ho perso. Vorrei una relazione vera, sentita, partecipata. Forse in passato lo volevo perché speravo di poter sostituire quello che ho perso mentre ora sono sicuro di questa impossibilità.
Nel corso di questo periodo ho provato più metodi per affrancarmi dal dolore. L’odio per l’altro sarebbe sciocco ed inutile visto che l’altro ha autonomamente deciso di porre fine alla nostra relazione, il chiodo scaccia chiodo è futile e ti lascia comunque dentro il vuoto che ti sta mangiando dentro, altri metodi si sono rivelati inefficaci quindi sono giunto ad un conclusione: l’unica cosa da fare e che ti permette di avanzare è l’accettazione.

La fine di una storia d’amore è certamente dolorosa però fermandoti a piangere sui cocci del tuo cuore qual è il miglior risultato cui ambire? Non avendo trovato una risposta soddisfacente a questa domanda, ho capito che dovevo darmi una mossa. Stando fermo potevo rimetterci solamente io quindi ho cercato di fare i conti con me stesso, mi sono rimboccato le maniche e mi sono dato da fare per uscire dalla fossa in cui ero finito.

I love miei spazi, e se li perdessi?

Tutti gli amici mi dicono: “Sei fortunato ad esser single”. Io non capisco inizialmente però, quando mi soffermo un po’ di più sulla questione, comprendo. Io posso godere della libertà più completa. Io faccio le cose quando vanno bene a me, non devo render conto a nessuno mentre in una relazione sei portato a ragionare, il più delle volte, per due. Non so se sarei pronto a rinunciare ai miei tempi, ai miei spazi. Affinché questo accada devo essere davvero cotto.

Io amo i miei spazi, i miei tempi; questo è un cruccio del quale sento notevolmente il peso. Quando trovo una persona che a me sembra giusta, io mi do, nella mia totalità quindi ho paura che se dovesse capitare procederei in maniera quasi automatica alla limitazione dei miei spazi che mi sono costruito in questo periodo e dei quali sto imparando a godere solo ora.

Vi lascio con una citazione di Zygmunt Bauman che trovo semplicemente perfetta per la situazione:
Libertà e sicurezza sono valori entrambi necessari, ma sono per Bauman in conflitto tra loro. Il prezzo da pagare per una maggiore sicurezza è una minore libertà e il prezzo di una maggiore libertà è una minore sicurezza. Oggi vogliamo essere liberi, autonomi e indipendenti, ma spesso finiamo per essere soli. Perché nella estrema libertà di muoverci e scivolare attraverso la società liquida, anche i legami si sciolgono, assumendo forme mutevoli di volta in volta. Allora per colmare la solitudine rincorriamo oggetti precari, “usa e getta”, che possono essere rimpiazzati velocemente e ci danno l’effimera illusione di non essere soli”

E se volessi un amore liquido?

Citare Bauman mi ha fatto pensare all’amore liquido, alle connessioni che caratterizzano il relazionarsi moderno. Il punto sul quale sto riflettendo ora è: “Sono veramente sicuro di desiderare un relazione? Magari il mio desiderio è quello di una connessione piuttosto”.
Questo quesito mi sta dando molto da pensare. Per forma mentis, abitudini ed esperienze passate non avrei dubbi sulla risposta però mi rendo anche conto che trovare una persona disposta ad impegnarsi, a spendere del suo per costruire un vero rapporto non è esattamente la cosa più semplice del mondo. Inoltre vedo nelle connessioni un metodo d’unione così semplice, così appagante nel breve termine.

Lo so che una relazione vera potrebbe farmi felice potenzialmente a vita però, al momento attuale, non so se dispongo della forza necessaria al costruirla.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.